I vini

L’aria del mare, i microclimi e la terra regalano vini rigorosi e autentici e le bottiglie dell’azienda sanno raccontare le singole vendemmie attraverso una proposta di partite limitate.
A comporre la superficie vitata aziendale concorrono infatti 2 ettari e 80 are, che negli anni di vendemmie più prodighe permettono di imbottigliare quindicimila bottiglie con prevalenza di Dolcetto d’Ovada Doc, piccole partite di Barbera del Monferrato Doc e Cortese dell’Alto Monferrato Doc che raggiungono per il 60% il mercato nazionale, mentre la parte restante risponde alle esigenze dell’attività agrituristica.

I vigneti giovani su cui si allineano i ceppi del Dolcetto accentuano le note vegetali tipiche, che in bocca esprimono la polpa e la carica aromatica dell’uva. Il vino che ne risulta, si offre immediato ma conserva l’intatta piacevolezza che è lo stile della casa.

Il colore violaceo è giovanile come l’aroma esuberante e un po’ vinoso è confortato da sentori di fragole. Queste caratteristiche sono più accentuate nel “Vin giuvu” presentato come figlio dell’ultima vendemmia in concomitanza col Natale.

I nostri vini:
BARBERA DEL MONFERRATO DOC

Il vino "Barbera del Monferrato" deve essere ottenuto dalle uve provenienti dai seguenti vitigni presenti nei vigneti nelle proporzioni appresso indicate: Barbera: dall'85 al 100%; Freisa, Grignolino e Dolcetto, da soli o congiuntamente, fino ad un massimo del 15%.
La resa massima di uva ammessa per la produzione del vino "Barbera del Monferrato" e' stabilita in q.li 100 per ettaro di coltura specializzata.
La resa massima delle uve in vino non deve essere superiore al 70%.
Le uve destinate alla vinificazione del "Barbera del Monferrato" devono assicurare al vino un titolo alcolometrico volumico naturale minimo di 11%ed al "Barbera del Monferrato" avente diritto alla menzione "superiore" un titolo alcolometrico volumico naturale minimo i 12%.
Il vino "Barbera del Monferrato" all'atto dell'immissione al consumo deve corrispondere alle seguenti caratteristiche:

  • colore: rosso rubino più o meno intenso;
  • odore: vinoso;
  • sapore: asciutto o leggermente abboccato, mediamente di corpo, talvolta vivace o frizzante;
  • titolo alcolometrico volumico complessivo minimo: 11,5%;
  • estratto secco netto minimo: 22 per mille;
  • acidità totale minima: 4,5 g/l1.

Il vino "Barbera del Monferrato" può essere designato in etichetta con la menzione "superiore" qualora sia immesso al consumo con un titolo alcolometrico volumico totale minimo di 12,5% dopo un periodo di invecchiamento obbligatorio non inferiore ad un anno con un minimo di sei mesi in botti di rovere.
Sulle bottiglie ed altri recipienti contenenti il vino "Barbera del Monferrato" designato con la menzione "superiore" deve sempre figurare l'annata di produzione delle uve.


Abbinamenti: Faraona in umido - Taglierini al sugo di lepre - Anatra all'arancia - Robiola di Roccaverano

DOLCETTO DI OVADA DOC

Il vino "Dolcetto d'Ovada" deve essere ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti dal vitigno Dolcetto.
Le uve devono essere prodotte nella zona di produzione comprendente l'intero territorio dei comuni di: Ovada, Belforte Monferrato, Bosio, Capriata d'Orba, Carpeneto, Casaleggio Borio,Cassinelle, Castelletto d'Orba, Cremolino, Lerma, Molare, Montaldeo, Montaldo Bormida, Mornese, Morsasco, Parodi Ligure, Prasco, Roccagrimalda, San Cristoforo, Silvano d'Orba, Tagliolo Monferrato, Trisobbio.
La resa massima di uva per ettaro di coltura specializzata non dovra' superare i 95 q.li. La resa massima delle uve in vino non deve essere superiore al 70%.
Le uve destinate alla vinificazione devono assicurare al vino "Dolcetto di Ovada" una gradazione alcolica complessiva minima naturale di gradi 11.
Il vino "Dolcetto di Ovada" all'atto dell'immissione al consumo deve rispondere alle seguenti caratteristiche:

  • colore: rosso rubino intenso, tendente al granato con l'invecchiamento;
  • odore: vinoso caratteristico;
  • sapore: asciutto, morbido, armonico, gradevolmente mandorlato o amarognolo;
  • gradazione alcolica minima complessiva: gradi 11,50;
  • acidità' totale minima: 5 per mille;
  • estratto secco netto minimo: 22 per mille.

Il vino "Dolcetto di Ovada", ottenuto da uve aventi una gradazione alcolica complessiva minima naturale non inferiore a gradi 12 ed immesso al consumo con una gradazione alcolica complessiva minima di gradi 12,5, puo' portare in etichetta la qualificazione "superiore" a condizione che sia stato sottoposto ad un periodo di invecchiamento di almeno un anno
Sulle bottiglie ed altri recipienti contenenti il vino "Dolcetto di Ovada" può' figurare la indicazione dell'annata di produzione delle uve, purché' veritiera e documentabile.


Abbinamenti: Ravioli della Rossa - Coniglio alle olive

MOSTARDA D'UVA
Abbinamenti: Robiola di Roccaverano - Polenta alla piastra
 

Thumbnail Image Thumbnail Image Thumbnail Image Thumbnail Image Thumbnail Image Thumbnail Image Thumbnail Image Thumbnail Image Thumbnail Image Thumbnail Image Thumbnail Image Thumbnail Image Thumbnail Image Thumbnail Image Thumbnail Image Thumbnail Image

ANTI-SPAM

Prenotazione ristorante

Prenotazione camere


ANTI-SPAM